abito da sera donna

Guida alla scelta del miglior abito da sera

Abituate come siamo ad una vita in vestiti casual, quando ci troviamo a dover scegliere una mise da sera ci facciamo prendere dal panico e ci mancano i punti di riferimento.

Mentre le nostre mamme e le nostre nonne avevano ben chiara la distinzione tra vestiti per le grandi occasioni e per tutti i giorni, la democratizzazione nel mondo della moda e un certo cattivo gusto imperante hanno fatto in modo che le donne di oggi non abbiano più ben chiaro il concetto di abito da sera. Proviamo, con questa guida, a fornire qualche indicazione. Una serata romantica, una mostra d’arte, una sera a teatro, una cerimonia che si svolge la sera, un cocktail, … Come vestirsi nelle occasioni importanti?

Come indossare un abito da sera: consigli dalla A alla Z 

Per una festa

In questi casi lo stile può essere molto libero, non si sono costrizioni se non quelle dettate da eventuali dress code. Che cosa è un dress code? La richiesta, da parte di chi invita, ad attenersi ad una regola riguardante l’abbigliamento; in genere questa richiesta viene formulata per iscritto sugli inviti stampati, oggi non è raro trovarla negli inviti spediti tramite social network o via mail. Ad esempio può essere domandato, per le donne, l’abito lungo, oppure potrebbe trattarsi di una festa a tema che necessita di un abbigliamento particolare (pensiamo alle numerose feste o cene “in bianco” che spopolano negli ultimi anni). In questi casi occorre ovviamente adattarsi alla richiesta; nel caso invece si tratti di una festa senza temi particolari si può optare per un abito da cocktail (al ginocchio) o lungo che consenta però fluidità nei movimenti, soprattutto se è previsto che si balli.

Utilizzate i tacchi alti e a spillo solo se siete comode e se camminate bene, altrimenti optate per un tacco medio o medio basso, anche largo. Se scegliete abiti con scollature particolari, sulla schiena o molto profonde, attenzione al reggiseno, che non deve mai essere in vista.

abito da sera schiena scoperta

Se avete un invito ad una mostra, una inaugurazione e simili, a meno che, come al solito, non sia specificato diversamente nell’invito, optate per un vestito corto, da cocktail, al ginocchio. Se si tratta di una mostra d’arte siate pure originali e osate un look alternativo, nel caso invece l’ambiente sia più formale, provate ad adattarvi allo stile senza rinunciare alla femminilità e ad un tocco estroso, quindi magari indossate un abito di un solo colore e lanciatevi in un paio di scarpe originali, magari una piccola stampa animalier, che a piccole dosi è sempre molto chic.

In lungo 

abito da sera lungoL’invito ad un evento in cui sia richiesto l’abito lungo è cosa più unica che rara, non lasciatevi intimidire! Indossate un abito fluttuante o stile impero se avete qualche chilo di troppo o fasciante da sirena se la vostra linea è invidiabile. Ricordate che il nero è il colore che spalancherà tutte le porte e con il quale non sbaglierete.

Le scarpe dovranno avere necessariamente molto tacco, investite qualche euro in più per modelli di lusso che sono delle vere e proprie opere di ingegneria: altissime e comodissime. Osate anche un sandalo gioiello, specialmente se avete un abito sobrio e molto lineare, l’effetto sarà stupefacente. Il sandalo flat, in estate, sdoganato da Uma Thurman qualche anno fa, è dedicato alle altissime, che non temono l’accoppiata micidiale abito lungo-scarpa bassa.

Da matrimonio

Per le cerimonie di solito si scelgono abiti eleganti ma al ginocchio, a meno che non ci siano specifiche diverse indicazioni. Naturalmente è doveroso adattarsi al tipo di cerimonia (religiosa o civile) e anche all’ambientazione del ricevimento. Normalmente si evita il colore bianco, riservato alla sposa, e il nero, anche se in realtà quest’ultimo divieto non è molto seguito. In fondo con un little black dress non si sbaglia mai, nemmeno ai matrimoni.

Un vincolo riguarda la stagione: in estate si possono osare divertenti cappelli in paglia (ad esempio per una cerimonia bucolica) o in stoffa, e saranno gradevoli abiti di colori chiari. In chiesa è bene avere le spalle coperte, quindi se il vostro abito è senza maniche portate un giacchino o una stola con cui coprirvi. Un’ultima avvertenza riguarda le zeppe: sono una tipologia di calzatura da evitare nelle cerimonie ma da riservare al tempo libero.

abito da sera matrimonio

Per quanto riguarda il tipo di vestito potete optare per un tubino accollato in un tessuto che non segni molto se siete formose oppure se avete qualche chilo di troppo, un abito tunica ampio e drappeggiato. Se invece avete la vita sottile scegliete un modello con gonna a ruota (ma non a pieghe) e una bella cintura ad evidenziare il vostro punto forte. Anche un tailleur pantalone può essere una bella soluzione per un matrimonio in stagione fredda o se non vi donano le gonne; impreziositelo con delle scarpe altissime o dei sandali gioiello, stupirete tutti.

Cosa valutare prima di scegliere il vestito?

I tessuti

Gli abiti da sera devono necessariamente essere di tessuti preziosi: dalla seta al taffettà, alle mussoline, fino ai velluti più pesanti. Gli effetti sul corpo possono essere più o meno donanti, e questo dipende essenzialmente da due fattori: la finitura del tessuto, lucida o opaca, e il modo in cui cade il tessuto. Ci sono stoffe che segnano molto e tendono ad evidenziare i difetti (in genere quelle più elastiche) ed altre che al contrario li mimetizzano. Ovviamente anche il taglio dell’abito ha la sua importanza, ma in generale si consiglia, se non si ha un fisico da modella, di abito da sera tessutinon abbondare con i dettagli lucidi e con i tessuti elasticizzati. Stesso discorso si può fare per paillettes, broccati o piume: un piccolo dettaglio può risultare grazioso, ma mai esagerare. Da adoperare con parsimonia sono anche i tessuti sintetici; specialmente se l’evento avviene nella stagione calda, aumentano la sudorazione e possono causare cattivi odori. 

Il lavaggio

Gli abiti da sera, specialmente se sono costati parecchio, richiedono una grande attenzione e cura nel lavaggio; è indispensabile attenersi alle indicazioni riportate sull’etichetta e, se si tratta di un abito di lusso, utilizzare una lavanderia di fiducia abituata a trattare capi di un certo valore: avranno anche una apposita assicurazione che tutela il cliente nel caso in cui il capo si rovini. 

I modelli

A meno che non ci sia un dress code particolare, si è detto, è possibile essere molto eleganti anche con abiti al ginocchio o mini abiti: tenete sempre in considerazione l’occasione e l’utilizzo. Se si tratta di un ricevimento di famiglia o di lavoro meglio evitare le gonne troppo corte. Un abito nero dalla linea asciutta e al ginocchio è un grande investimento per una donna; lo potrete utilizzare in ogni occasione cambiando gli accessori. Non sembrerà lo stesso vestito. Osate scollature vertiginose solo se non avete moltissimo seno; molto meglio in questi casi un oblò strategico sulla schiena o su un fianco, il vedo-non vedo è molto più interessante del “tutto a vista”. 

abito da sera lungo o corto

I colori

Per quanto riguarda i colori, non solo i grandi classici: oltre al nero e al bianco, con le eccezioni di cui si è detto per i matrimoni, anche altre tonalità possono essere osate. Naturalmente occorre considerare se si sarà o meno abbronzate in quel momento e quanto il colore in questione doni veramente: i colori freddi e chiari possono non essere adatti a donne con carnagione chiara e capelli molto scuri.

I colori pastello in genere donano di più alle bionde. Mentre le more trarranno giovamento da tonalità calde come il sabbia, il marrone e l’ocra. Anche il color ciliegia può essere una scelta molto originale, così come il verde carico.

Attenzione alle stampe, alcune sono molto belle ma tendono ad ingrassare e rischiano di essere troppo legate alla moda del momento. Un vestito a piccoli pois può rivelarsi una scelta originale e vincente; ovviamente in questo caso valutate l’opportunità di adoperare questo motivo in relazione alla vostra età.

La taglia

Le taglie del prêt-à-porter sono in genere uniformi, la numerazione varia da Paese a Paese ma esistono tabelle di conversione che consentono di passare da una taglia all’altra. In genere si parte dalla 36 per arrivare alla 42. Naturalmente in boutique si trovano (o possono essere ordinati o adattati) abiti che escono da questo range. Se scegliete di farvi fare un abito su misura non ci saranno taglie: l’abito sarà cucito sulle vostre misure effettive. 

Le scarpe

decollete eleganti abito da seraLe décolletés sono il modello più classico di scarpa da donna, per accompagnare un abito da sera è consigliabile un modello elegante, con tacco alto e sottile e di un materiale prezioso: vernice, raso o pizzo. I sandali sono una variante molto apprezzata per accompagnare abiti eleganti, indossati spesso senza calze anche in inverno, possono diventare dei veri e propri gioielli che ornano il piede. Le ballerine sono scarpe spiritose che possono diventare anche eleganti se utilizzate sapientemente: adoperatele con un abito da sera se siete molto alte. 

Borsetta

Con un abito da sera è obbligatorio l’utilizzo della clutch o della pochette, la piccola borsa a mano da portare appoggiata gradevolmente su un fianco. Talvolta possono essere dei veri e propri gioielli e trasformarsi nel punto di forza del look.

About FashionSecret

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *